ACCESSO ABBONATI

Porta Grande è il mensile di Cisternino che ha visto la sua prima uscita nel luglio del 2005, con un formato di poche pagine e, quasi completamente, in bianco e nero.

Nel giornale vengono trattati gli argomenti che la redazione, nel corso delle sue riunioni periodiche, ritiene interessanti per i lettori.
Il direttore responsabile è il dott. Mario Saponaro, divenuto giornalista grazie all’esperienza del mensile “L’Arca” voluto dalla Casa Salesiana di Cisternino.
La giovane redazione è formata quasi esclusivamente da persone senza pregresse esperienze professionali che offrono gratuitamente il loro tempo e la loro intelligenza. L’editore è l’Associazione no-profit “Pro-Cisternino” che sopravvive, tra le difficoltà facilmente immaginabili, in una realtà economica povera e complessa come quella di Cisternino.
Ogni componente della redazione ha un ruolo ben definito che permette di conoscere esattamente il suo compito. L’organizzazione non è gerarchica ma è di tipo funzionale e prevede, oltre al direttore responsabile e quello della fotografia, una serie di figure come: il caporedattore, i caposervizio, il grafico, il vignettista, il fotografo, il correttore di bozze, i responsabili amministrativi e del sito internet, ecc.; ognuno mette a disposizione di questa esperienza tutte le proprie energie. Se Porta Grande oggi viene letto quasi da tutti i cistranesi vuol dire che la strada è quella giusta, per quanto, si possa fare molto per migliorare e meritare l’apprezzamento di chi non legge il giornale per pregiudizi personali, politici o socio-culturali.
La testata ha una tiratura di 1.500 copie mensili (che diventano 1.800 in mesi particolari) e, grazie all’attaccamento dei lettori, le copie del giornale si esauriscono in pochi giorni nelle edicole, a partire dal 15 di ogni mese,quando viene inviato alla vendita. Numerose delle copie stampate, inoltre, vengono inviate agli abbonati, perlopiù concittadini emigrati in Italia e all’estero. Gli abbonati più affezionati e attenti, infatti, sono proprio i cistranesi che vivono lontano e che, grazie a Porta Grande, mantengono un contatto con i luoghi di origine.
Le regole del mercato sono durissime e la nostra "mission" è: fare giornalismo di buon livello, nel rispetto di tutte le persone e le rispettive posizioni, senza paura di raccontare la verità sui fatti realmente accaduti.

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn